Label Title
<br>testo alternativo
JACKY HORSE

Se nel mondo equestre al primo posto in ordine di importanza troviamo il binomio tra il
cavaliere e il cavallo, al secondo c'è sicuramente quello con il suo Jacky.
Non c'è altro posto sulla terra, se si escludono gli allevamenti specifici, dove si possa trovare una così alta concentrazione di questi piccoli folletti come ad un concorso ippico.
La leggenda della sua origine è affascinante quanto il suo carattere. Si narra infatti che il Jack Russel Terrier nacque per merito del reverendo John Russel, famoso cinofilo, che nel 1800 circa, nella contea di Devon, in Inghilterra, riuscì a selezionare una particolare tipologia di Terrier che fosse in grado di correre come i Foxhound, avesse propensione alla caccia, e possedesse quelle particolari dimensioni e quel coraggio tale da infilarsi nelle tane degli animali senza uscirne vinto.
Non preoccupandosi particolarmente dell'aspetto esteriore incominciò ad incrociare soggetti di British Terrier con cani Bulldog , unendo così l'attitudine venatoria dei primi all' istinto combattivo e all'alta resistenza al dolore tipici invece del Bulldog.
In tempi successivi per attenuare l'aggressività latente, nella selezione vennero introdotti cani dal carattere più docile come il Beagle, e dopo gli anni '60 si aggiunsero il Border Collie e il Lakeland Terrier.
Da tutto ciò si può comprendere come in circolazione non ci sia cane di razza più simile ad un meticcio.
In questa razza si differenziano 2 varietà , che pur mantenendo alcune caratteristiche comuni sono diverse per dimensioni : una ,più alta e strutturata nel quadrato,conosciuta come Parson Russel T. e l'altra, nota più propriamente come Jack Russel T., a gamba più corta e di forma leggermente più allungata.
E' particolare il fatto che pur venendo considerata una razza originaria dell'Inghilterra, debba molto del suo sviluppo alla selezione in terra australiana,in particolare per la creazione di uno standard morfologico.
Il colore del mantello è prevalentemente bianco con macchie nere , marroni o tan (rossiccio), mentre il pelo può presentarsi di 3 varietà :liscio(la tipologia più diffusa in Italia ), ruvido e broken (ottenuto dall'incrocio dei precedenti ).
Le orecchie devono rigorosamente presentarsi a “bottone” cioè piegate anteriormente a triangolo.
L' altezza ideale è di circa 25-30 cm al garrese e il peso si aggira intorno ai 5-6 kg.
Qual' è la scintilla che fa scoccare l'amore per questo cane ??
Se ci soffermiamo a pensare non é sicuramente il suo aspetto fisico che ci fa innamorare:
ha un'aria simpaticissima ma definirlo "bello", secondo i canoni tradizionali della bellezza, è abbastanza difficile.
Quello che invece conquista è il suo carattere : dolce, intelligente, allegro, indipendente e imprevedibile,direi un vero antidoto contro la depressione....e ogni tanto risvegliare il "Jack" che è in noi non guasterebbe!!
Nonostante queste qualità non sono cani adatti a tutti, in quanto spesso è necessario dover dedicare loro particolare attenzione e un certo tempo: hanno bisogno di molto movimento come pure di giochi ed esperienze sempre stimolanti, per cui vedere un Jack apatico o depresso può essere un segnale d'allarme.
Fate attenzione anche ad isolarlo in casa per un giorno intero perchè, nella peggiore delle ipotesi ,un Jacky annoiato ve la può distruggere!!
Quali sono quindi le qualità indispensabili per il “vero”appassionato di questi cani ?.....
sicuramente molta pazienza ed uno spiccato senso dell'umorismo!
Questi piccoletti hanno nel loro Dna uno forte senso di indipendenza ed un innato desiderio di sorprendere, perciò aspettiamoci di vederli concentrati in una determinata azione per poi, improvvisamente,notarli annoiati o intenti a fare dell'altro.
Mettiamo sempre in conto l'arrivo di qualche sorpresa e prepariamoci a sorridere di fronte ai vari guai che ci combineranno.
Riassumendo: quali sono i lati positivi?
Sono reattivi, vispi ,instancabili, molto intelligenti e simpatici,dotati di un'energia straripante.
Sono comunicativi e fedeli , tendono ad affezionarsi molto e a non abbandonare mai il loro padrone, sono sensibili ai complimenti e molto socievoli con le persone gentili.
Sempre tenaci e coraggiosi, hanno la testa “dura”, e non cedono mai fino a quando non hanno raggiunto l'obiettivo.
E quali i punti deboli ?
" Debole ".....è una parola che nel dizionario di un Jacky non esiste!!


Torna all'elenco
"I cani mangiano. I gatti pranzano." - Ann Taylor -
veterinario consulenza consulto gatto cane studio diego santini associato palmiro clerici animali domestici igiene orale denti clinica veterinaria pulci zecche pulizia articoli news pubblicazioni relazioni